Bat-Box: Dove posizionarla? Il disegno ritrae un Pipistrello che guarda una bussola per capire dove posizionare la Bat-Box

Bat Box: dove posizionarla? I 5 punti chiave per l’installazione

6 min

Premessa sui Pipistrelli e le Bat-Box

“Ho installato la mia bat-box già da ieri ma di pipistrelli non se ne sono ancora visti” (pipistrellofilo ansioso)

I pipistrelli, un tempo temuti per le loro sospette connessioni con Dracula, godono oggi di una grande popolarità. Siccome i chirotteri mangiano plotoni di zanzare (qui l’articolo su “Pipistrelli: 5 motivi per ringraziarli e volergli bene”) e sono importanti per l’ecosistema, tutti quanti ora desiderano il loro pipistrello guardiano e cercano di attirarli (qui l’articolo su “Una pianta-water per attirare i Pipistrelli, predatori di zanzare“) nel loro giardino attraverso le bat-box.

Le bat-box sono rifugi per pipistrelli. Realizzati in legno, hanno forma e accorgimenti tali da offrire un riparo sicuro ai chirotteri durante la stagione calda, quando escono dalle grotte alla fine del letargo. Facili da realizzare o acquistare ( se ti può interessare QUI puoi trovare le nostre Bat-Box Blitzen), da qualche anno le bat-box si stanno diffondendo con successo nel Nord America e in Europa.

È sufficiente avere una buona bat-box per attirare i pipistrelli? No, perché il rifugio è del tutto inutile senza un buon posizionamento. È per questo che ti farò vedere, in 5 punti, come installare la tua bat-box, subito dopo queste quattro piccole premesse:

  • Anni, mesi o giorni. È il tempo che può passare prima che un bel pipistrello decida di farne la sua casa. Scrive in un articolo Riccucci che “non dobbiamo pensare che le bat box siano subito colonizzate dai pipistrelli: in Florida (University of Florida, Gainesville) una enorme bat-box, praticamente rimasta vuota per tre anni, è abitata oggi da oltre 100.000 individui”. Tutto quello che possiamo fare, è cercare di installarla al meglio.
  • Animali super-protetti. I pipistrelli sono animali selvatici protetti dallo stato. Non puoi in alcun modo catturarli e ficcarli in una bat-box e non puoi nemmeno acquistarli. Se dopo un paio di anni la tua casetta rimane vuota, puoi valutare di spostarla e darle una nuova collocazione.
  • Viva il guano. Il modo migliore per capire se la bat-box è abitata? La presenza del guano. Proprio per questo, è meglio evitare di mettere la tua bat-box sopra a luoghi di passaggio: i pipistrelli potrebbero anche apprezzare, le persone al di sotto un po’meno. Ricorda che il guano è fra i migliori fertilizzanti naturali che esistano, quindi se hai un orto, fanne buon uso.
  • Inquilini abusivi. Può capitare che la tua bella bat-box sia occupata abusivamente da piccioni, vespe e calabroni. In quel caso, sfratta gli inquilini, facendo attenzione a non farti del male.

AMI IL BRICOLAGE?

Costruisci la tua Casetta per Pipistrelli

Guida Gratuita BAT-BOX Blitzen

RICEVILA QUI

*Rispettiamo la Tua Privacy e siamo conformi al nuovo Decreto Europeo GDPR per la Tutela dei Dati Privati

Quindi, la Bat-Box, dove posizionarla?

1 – Mettila ad almeno 4 metri da terra

Disegno raffigurante un Pipistrello salire la scala per posizionare la Bat-Box

I pipistrelli scelgono sempre rifugi a parecchi metri d’altezza, per essere sicuri che nessun predatore li possa attaccare mentre si riposano. L’altezza minima che devi considerare per l’istallazione della tua bat-box, quindi, è di circa quattro metri. Al di sotto di quella soglia, infatti, il pipistrello non si sentirebbe al sicuro e molto difficilmente valuterà di scegliere lì la sua casa.

Un ottimo spazio per installare la bat-box, per esempio, è il muro degli edifici al di sotto della gronda: una facciata di due piani, infatti, raggiunge normalmente i 6 metri. Lo sporto del tetto, inoltre, tiene la bat-box al riparo dalle intemperie, consentendole di resistere molto più a lungo nel tempo.

2 – Mettila lontana dai lampioni e dalle fonti di luce artificiali

 

Disegno raffigurante un cielo notturno e nessuna luce artificiale sulla Bat-Box posizionata

La luce dei lampioni va assolutamente evitata, perché manderebbe i pipistrelli in confusione. Il chiarore artificiale, infatti, può fare pensare ai pipistrelli che sia ancora giorno e questo fatto va ad alterare pericolosamente la loro percezione del tempo e i loro bioritmi.

Il rifugio, quindi, deve essere installato al riparo da tutte le fonti luminose artificiali, così da essere immerso nel buio al calare del sole. Poco male se più lontano ci sono lampioni o lampadine: l’importante è che la luce diretta non vada ad interessare la bat-box.

3 – Mettila in un luogo libero dagli ostacoli

Disegno raffigurante una Bat-Box libera da ostacoli

Rami, fronde, pali e fili elettrici davanti alla bat-box sono un forte deterrente. I pipistrelli, infatti, hanno bisogno di un’entrata libera da qualsiasi ostacolo, per arrivare facilmente in volo all’interno del loro rifugio. In natura, per esempio, un rifugio molto amato dai pipistrelli è offerto dai tronchi secchi, ormai privi di rami e foglie, degli alberi morti. Ricordati anche di evitare le superfici metalliche, perché respingono i pipistrelli.

4 – Mettila dove non ci sia nulla al di sotto

Disegno raffigurante un Castello con nessun ostacolo sotto la Bat-Box posizionata in cima

Oltre ad essere libero dagli ostacoli, il rifugio ideale non deve avere nulla nemmeno al di sotto. I pipistrelli, infatti, sanno bene che sporti, rami, aggetti e balconi possono permettere ai predatori terrestri di arrampicarsi fino alla loro bat-box.

Se i pipistrelli percepiranno che al di sotto della tua Bat-Box non c’è niente di niente, saranno più disposti a sceglierla come casa.

5 – Mettila in un luogo esposto alla luce solare

 

Molti esperti consigliano di mettere la casetta in un punto che sia baciato dal sole per almeno sei ore al giorno e spesso si suggerisce di disporre le bat-box verso Sud-Ovest, così che questa venga scaldata dai raggi del sole del pomeriggio. In realtà, per la complessità dei criteri e delle variabili dei pipistrelli, non c’è un’esposizione preferita, ma in linea di massima è opportuno che siano toccate dai raggi solari. Uno dei primi ricercatori ad occuparsi delle bat-box, Paolo Agnelli, dell’Università degli Studi di Firenze, suggerisce che “quelle situate in luoghi freschi (sole del mattino N.d.A.) sono preferite dai maschi mentre quelle calde (sole del pomeriggio N.d.A.), meglio se esposte a Sud-Ovest, sono preferite dalle colonie di femmine adulte.

Extra: Interrala per qualche giorno e non verniciarla

Per aumentare le tue probabilità di successo, voglio anche darti un ulteriore consiglio, da mettere in pratica ancora prima di installare la tua bat-box. Pare che i pipistrelli siano attratti dagli odori ammuffiti del legno umido. Come ti dicevo, in natura i pipistrelli scelgono spesso carcasse di alberi morti, infilandosi negli anfratti che si creano dallo scollamento della corteccia dal tronco. Per ricreare questo piacevolissimo aroma, è consigliabile interrare per qualche giorno la tua bat-box. Coprendola per bene di terra, infatti, farai perdere al legno l’odore di nuovo.

Sempre per lo stesso motivo, è bene non verniciare la tua bat-box. Alcuni passano al pennello solo le pareti esterne, lasciando liberi gli aggrappi interni, ma io ti consiglio di evitare totalmente gli impregnanti e le vernici.

Super-Extra: Quando installarla? Sempre

Quando installare la tua bat-box? I pipistrelli passano l’inverno in luoghi completamente diversi dai rifugi estivi ed escono dalle loro grotte con la primavera ed è proprio in quel periodo che sceglieranno la loro casa. Questo farebbe pensare che il periodo più opportuno per installare la bat-box sia il periodo che va da fine febbraio a inizio aprile. In realtà, come abbiamo visto, i pipistrelli non amano affatto le novità, né l’odore di nuovo.

Una bat-box installata nei mesi più freddi, quindi, potrebbe integrarsi meglio con il contesto, prendere gli odori dovuti al decadimento del legno e rassicurare i pipistrelli. Non esiste, quindi, un periodo preferito per installare il tuo rifugio: sistemalo liberamente e lascia che il pipistrello se ne innamori.

Siamo giunti al termine del nostro articolo riguardante il posizionamento delle Bat-Box e se ti può interessare da QUI potrai scaricare la nostra Guida Gratuita su come costruire una Bat-Box.

A presto!

 

Ti potrebbe interessare:

 

alberto blitzen
ARCHITETTO

Sono un architetto e studio l’habitat degli animali. Ho vissuto fra i boschi della Francia, le sabbie del Medio Oriente, i canali di Venezia e le luci di Parigi, per poi tornare all’ovile.

L’ovile è sulle bellissime colline del lago di Garda, in mezzo a castelli, fiabe e cipressi. Da qui racconto storie e faccio disegni su gatti, cani, misteri, leggende, ricci e pipistrelli.

4 pensieri su “Bat Box: dove posizionarla? I 5 punti chiave per l’installazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.